Bufera in rete per la messa in onda della telefonata Renzi-Artini

E’ bufera in rete dopo la messa in onda a Piazza Pulita della telefonata tra il deputato espulso dal M5s, Massimo Artini, e il premier Matteo Renzi. Si dichiara “deluso e amareggiato” l’ex collega di Artini, Federico D’Incà, che racconta, sempre su Fb, che “da molto tempo girava la voce che Renzi fosse in diretto contatto con alcuni dei nostri parlamentari, ma ho sempre pensato che fosse un modo per minare la nostra compattezza piuttosto che un fatto comprovato. Oltre al fatto che nessuno mi dica che era la prima volta che Renzi sentiva Artini, ciò che mi rende più amaro il momento è una domanda: quanti altri – si chiede l’ex capogruppo M5s alla Camera – ricevono telefonate da Renzi? E quello che mi addolora ancora di più: quante bugie sono state raccontate ai nostri attivisti o ai parlamentari più sensibili in modo da avvelenare i pozzi e creare un clima di caccia alla streghe soprattutto contro Beppe e Gianroberto?“. Anche Gianluca Vacca, altro deputato 5 Stelle, si indigna e il suo giudizio è tranchant: “Dopo aver visto la telefonata di Matteo Renzi ad Artini credo che sia opportuna una mia visita dall’otorinolaringoiatra: è evidente che non riesco più a sentire la puzza di sterco, neanche quando ce l’ho accanto. Che schifo…”. Qualcuno lo insulta anche sulla sua pagina Fb: “Non ti avrei mai pensato così ‘merda’… scrive ad Artini Simone C. che lo prende però di mira per la telefonata con Alessio Villarosa (in cui il collega, in realtà, solidarizza con Artini spiegando che non avrebbe mai firmato per la sua espulsione e per quella della Pinna). “Infangare così Alessio Villarosa... È un gesto della peggior Dc” .

Sulla pagina di Artini, però, fioccano anche le difese. Tra tutte quella di Vincenzo che ricorda: “Artini e Renzi si conoscono da una vita. Andavano a scuola insieme, è un reato?….non credo. Artini non ha chiamato Renzi ma Renzi ha chiamato Artini per dirgli che secondo lui l’espulsione era indegna. Artini ringrazia e attacca. Di cosa stiamo parlando? Del niente!”. Ma già a caldo la reazione di molti colleghi si è subito fatta sentire sui ‘social’. Paola Taverna non si tiene: “Sentire la telefonata di Matteo Renzi ad Artini, che scodinzola e ringrazia, non ha prezzo. Per tutto il resto c’è Movimento 5 Stelle..”. Anche Alessandro Di Battista commenta: “Chi ha ascoltato la telefonata di Renzi all’ex portavoce M5S Artini ha capito come funziona il “palazzo”.