Un altro assalto rom al supermarket: è toccato alla Conad di Viterbo

L’assalto al supermercato è un’ altra delle piaghe a cui ci stanno abituando alcune bande rom. Ultimo in ordine di tempo, il caso della Conad di Viterbo. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Viterbo con la collaborazione di agenti delle volanti, Polizia locale e Guardia di Finanza sono riusciti a fermare solo una parte della banda di Rom (ospiti i in campi di accoglienza della Capitale), che avevano messo in atto un vero e proprio assalto all’Ipermercato Conad di Via Garbini. Un espisodio che segue molti i casi analoghi che si sono ripetuti anche nelle ultime settimane in tutta Italia.

«I giudici con noi sono buoni»

I malviventi – uomini e donne almeno in sei o sette –  avevano prima esplorato i vari reparti per individuare la merce di cui impossessarsi, per poi iniziare la razzia. Ma in questi giorni la sorveglianza nei grandi magazzini è alta ed un responsabile ha notato il movimento anomalo di questi rom. È  stato dato l’allarme, ma visto che il numero degli assalitori era alto, i carabinieri hanno richiesto la collaborazione delle altre forze di polizia. Sul posto sono giunte diverse pattuglie che hanno bloccato le uscite fermando i sospetti, mentre all’interno del grande magazzino sono state individuate due donne con un bottino di materiale della profumeria di un discreto valore. Al fermo delle donne da parte dei carabinieri, il resto della banda ha cercato di dileguarsi ma sono stati presi solo alcuni di loro, mentre altri nel trambusto sono riusciti a dileguarsi. Uno di loro, dopo il fermo, ha esclamato: «Veniamo a Viterbo perché i giudici con noi sono buoni».

I casi si moltiplicano

Il nuovo assalto segue un altro analogo del 14 dicembre al supermercato Conad sull’Aurelia da Pietrasanta, dove furono arrestati due romeni, uno di 39 anni, per il reato di rapina impropria, mentre il secondo, anch’esso romeno di 30 anni, veniva denunciato a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale. La merce rubata è stata restituita al direttore dell’esercizio. Pochi giorni fa a Milano è stata sgominata un’altra banda di rapinatori di origine romena e di etnia rom che si dedicava a commettere furti aggravati e rapine elle province di Milano, Monza, Bergamo, Como e Brescia in centri commerciali.