Il web inganna ancora: falso il video del bambino siriano eroe

Era una “sceneggiata” con tanto di cast, troupe e regista. Milioni di utenti su YouTube erano rimasti impressionati nei giorni scorsi dal video che mostrava il coraggio di un “eroe-bambino siriano” capace di salvare la sorellina sfidando il fuoco dei cecchini. Ora però si è scoperto che il filmato era un falso, creato ad hoc da una troupe norvegese che lo aveva girato lo scorso maggio nell’isola di Malta, con piccoli attori locali, tra cui lo stesso protagonista.

La confessione del regista

A rivelarlo è stato lo stesso regista alla Bbc, Lars Klevberg, 34 anni, che ha cercato di giustificarsi dicendo di aver realizzato e diffuso il tutto con l’obiettivo di sollevare un dibattito sui bambini nelle zone di guerra. «Se puoi fare un film e fingere che i fatti siano veri, allora le persone lo condividono e reagiscono con speranza – ha ammesso il regista – lo abbiamo girato a Malta nel mese di maggio sullo stesso set che è stato usato per altri film famosi come Troy e il Gladiatore». I due bambini erano attori professionisti maltesi, mentre le voci che fanno da sfondo erano di rifugiati siriani che vivono nell’isola», ha aggiunto. Il film è stato peraltro finanziato dall’istituto del film norvegese (Nfi), che sarebbe stato a sua volta ingannato sulla veridicità delle immagini. Da quando è stato caricato su YouTube lunedì scorso, il video è stato visionato più di cinque milione di volte e ha ricevuto migliaia di commenti.