Tsipras e tutta la vetero-sinistra in piazza contro Renzi e Berlusconi

Piazza Farnese non è difficile da riempire. Eppure, un po’ per il tempo, un po’ per il momento politico che entusiasma poco, la manifestazione della lista Tsipras contro il semestre europeo dell’Italia non ha scaldato i cuori. Poca gente, ma tutta molto arrabbiata con il governo di sinistra: «Renzi, dicono, è come Berlusconi, anzi peggio». «La nostra ambizione è che L’altra Europa con Tsipras diventi una forza di governo alternativa al Pd di Renzi». Lo dice Antonio Ingroia, dopo il fallimento elettorale, alla manifestazione organizzata in piazza Farnese dal raggruppamento che raccoglie la galassia delle formazioni a sinistra del Pd che puntano a coagularsi in un soggetto politico. Questa è la prima manifestazione nazionale della Lista Tsipras a Roma dopo le elezioni europee dove ha raggiunto il 4% dei consensi.

In piazza vecchi arnesi vetero-comunisti

In piazza ci sono oltre a Ingroia, Gianni Rinaldini, la europarlamentare Eleonora Forenza, l’ex giornalista di Repubblica Curzio Maltese e il parlamentare di Sel Giorgio Airaudo. Quest’ultimo in rappresentanza di Sel con cui sono in corso contatti per riorganizzare l’aria di sinistra. In piazza è presente anche Rifondazione comunista con Ferrero. Presenti inoltre esponenti della sinistra radicale che era al governo con Prodi: Russo Spena, Alfonso Gianni e Paolo Cento. In piazza anche le bandiere delle associazioni antagoniste con i No-Tav. Insomma, poche decine di persone tutte arrabbiate con il premier Renzi ed eternamente avvelenate contro Berlusconi. Peccato che questi due uomini politici siano stati ampiamente legittimati – Berlusconi per anni – dal consenso popolare. Al contrario di Tsipras.