Quanto costano le Regioni? Nel solo 2011 ben 305 miliardi di euro

Quanto ci costano le Regioni italiane? Analizzando i dati ufficiali diffusi dall’Istat – scrive affaritaliani.it – nel solo 2011 hanno speso ben 305 miliardi di euro creando, di fatto, un ammanco di ben 5 miliardi di euro nel solo anno preso in considerazione. Il quotidiano on line cita una ricerca del sito di approfondimento finanziario www.wthink.it, che ha analizzato i dati ufficiali diffusi dall’Istat. Fra le spese che hanno avuto la maggiore incidenza spiccano quelle relative ai servizi sanitari, ossia le spese relative al sostenimento delle Asl, che incidono per ben 118 miliardi di euro più altri 4 miliardi circa che vanno ad aggiungersi alla voce Investimenti. «A questo punto – continua affaritaliani.it – appare evidente l’urgenza di un provvedimento che rimetta ordine nei conti delle Regioni e che possa aiutare a rimodulare l’offerta di una sanità pubblica di qualità ma con costi sopportabili».

Costo del personale e consulenze

Continuando a spulciare tra i dati delle tabelle regionali saltano all’occhio il costo del personale, che incide per circa 6 miliardi di euro, e le spese relative alle consulenze, studi e collaborazioni, che ci costano oltre 800 milioni di euro l’anno. Da sottolineare anche gli oltre 42 milioni di euro di premi assicurativi e i 9,8 miliardi di euro relativi alle spese di rimborso di mutui bancari e prestiti a breve termine. «In definitiva si può affermare che con un intervento mirato sarebbe possibile, molto probabilmente, ridurre la spesa pubblica imputabile alle Regioni senza andare ad incidere sulla qualità del lavoro svolto e sull’efficienza delle stesse».