L’Isola dei Famosi per tornare ad esserci, Irene Pivetti ci riprova

Evviva la Pivetti. Viva l’Irene che, dopo aver ballato sotto le stelle, approda all’Isola dei Famosi. Che se Matteo Renzi, dalla scrivania della Leopolda, ha tenuto a far sapere alle nuove generazioni che il posto fisso in futuro mai più esisterà, lei, che in giovane età è stata pure una vestale delle istituzioni democratiche può pretendere, a giusto diritto, di esserne il nuovo e più autentico testimonial. La quintessenza del renzismo prossimo venturo.

Leghista d’antan e presenzialista dei talk show

Lei è appunto l’Irene. L’Irene Pivetti, oggi cinquantenne, che fu leghista e lumbard assi d’antan nonché cattolica praticante ancor di più. Lei, costretta in quei tailleur da educanda con quei foulard alla nonna Pina che oggi neppure l’Elisabetta II avrebbe il coraggio di indossare. Lei, la pasionaria tuttad’unpezzo fustigatrice di costumi e custode dell’ortodossia repubblicana con tanto di benefit al seguito. Lei, che quindi scopre l’amor giovine ne è felicemente travolta e, perciò, ammainata l’insegna dell’Alberto da Giussano, si reinventa opinionista e presenzialista dei talk show visto che alla tv pagano, e pure bene, e che la famiglia ha un costo. Lei, audace sperimentatrice, coi capelli prima rasati e poi colorati, dal nero pece al biondo cenere, con quelle borchie da dark lady e il lattice fasciante, ma sempre con quel musetto un tantino civettuolo e lo sguardo ammiccante.

Pronta alla mischia con noti e ignoti

Lei, l’Irene, adesso è pronta per un altro step. Per una nuova avventura. Ovviamente televisiva. Ha firmato per la prossima edizione Mediaset dell’ “Isola dei Famosi”, pronta a mischiarsi con tanti altri noti e ignoti. Pronta a  gareggiare, per placare la fame, contro qualche insipida “morta di fama”. Nell’acqua e sulla sabbia, a patire il freddo e la pioggia, a farsi arrostire dal sole dei Caraibi: tutto per dimostrare di esserci ancora. Perché lei, l’Irene, l’ha sempre saputo che, non solo in amore, ma anche nella vita si cambia. Si cambia look e si cambia mestiere. Già da prima che il giovane Matteo Renzi partecipasse alla Ruota della Fortuna di Mike Bongiorno.