Carabinieri, arriva la storia del Ros: dal 3 dicembre sarà sul web

Tutti conoscono il Ros dei carabinieri, ossia il Raggruppamento operativo speciale dell’Arma, attivo dal 1990. Pur essendo uno dei più custoditi segreti dei Cc, tuttavia il grande pubblico ha imparato a conoscerlo attraverso le sue numerose operazioni, per tutte valga quella relativa all’arresto di Totò Riina, cosiddetto capo dei capi di Cosa nostra, avvenuto nel gennaio del 1993 a opera del Crimor, squadra del Ros comandata dal Capitano Ultimo. Ebbene, adesso Panorama, con il suo magazine Lookout news, ci propone in esclusiva una storia del Raggruppamento nel numero in edicola il 3 dicembre prossimo, storia raccontata dal generale Mario Mori, che ne fu uno dei fondatori e uno dei protagonisti.

Lotta alla mafia e al terrorismo

Il Ros, nelle intenzioni dell’Arma, fu creato per affrontare le emergenze della criminalità organizzata e del terrorismo, ed è in questi campi che ottenne i maggiori successi. Successi anche contrassegnati da un duro contrasto con la procura di Palermo, che aveva un approccio diverso alla lotta alla mafia. Addirittura dopo l’arresto di Riina lo stesso Mori e il Capitano Ultimo verranno processati con l’accusa di favoreggiamento. Molto è stato scritto sulla questa vicenda per doverci qui ritornare, basti solo ricordare che De Caprio (Ultimo) e Mori furono assolti nel 2006 con sentenza non appellata dalla procura di Palermo. Tra le altre operazioni del Ros vanno senz’altro segnalate quelle relative alla cattura di Cancemi, di Fidanzati e di altre famiglie mafiose. Lotta alla criminalità organizzata, lotta al terrorismo, ma anche ai trafficanti internazionali di droga, spesso con azioni sotto copertura e con infiltrati nelle bande criminali.

Una grande autonomia di movimento

Il Ros si è sempre caratterizzato per una grande autonomia di movimento, stante la difficoltà e la complessità delle operazioni che conduce. Sinora ha avuto sei comandanti: l’ultimo, Mario Parente, è in carica dal 2012. Fu organizzato in una sede centrale, che è a Roma, che ha il compito di coordinare tutte le attività e fornire supporto alle 26 sezioni anticrimine e agli altri due nuclei sparsi sul territorio italiano. A sua volta, la sede centrale è articolata in sei reparti.

 

Il racconto intervista del Generale Mario Mori. La storia del Raggruppamento Operativo Speciale nelle parole dei suoi protagonisti.

http://www.lookoutnews.it/video/grandi-temi/