Attacco di gelosia del Ncd per un flirt Pd-Grillo: lite tra De Girolamo e Boschi

Un altro scontro in aula tra Ncd e governo, dopo quello al Senato sulla responsabilità civile dei magistrati: stavolta l’incomprensione è scattata su una mozione in sostegno del Sud, a causa di uno “strano” inciucio del Pd con i grillini. Protagoniste, nell’aula della Camera, il ministro Maria Elena Boschi e il capogruppo di Ncd alla Camera Nunzia De Girolamo. «Avete una nuova maggioranza – ha detto la De Girolamo – con i grillini anche alla Camera?».

Il Pd gioca sporco con gli alleati

La querelle è nata da un atteggiamento furbetto del Pd che spesso, negli ultimi tempi, flirta con i Cinquestelle bypassando gli alleati del Nuovo centrodestra. È successo al Senato e si è riverificato alla Camera. A far scoppiare la scintilla questa volta è stata la mozione Sud, a prima firma De Girolamo, annunciata dopo la riunione dei capigruppo del 29 ottobre, sull’onda del catastrofico rapporto Svimez sul’economia del Mezzogiorno. La discussione generale della mozione era stata calendarizzata per questa settimana, ma con il dibattito sulla sfiducia ad Alfano e  l’elezione dei giudici costituzionali la discussione è slittata alla prossima settimana, così come le mozioni di maggioranza e opposizione su Sud e Campania. Ma l’inghippo è scoppiato oggi.

Mozione Sud riscritta da Pd e grillini

Il Pd, non volendo rinunciare a un ruolo di primo piano (perché la mozione Sud avrebbe avuto un peso maggiore rispetto a quelle presentate per la sola Campania), aveva chiesto di presentare un testo unitario. E così alle 13 di oggi i rappresentanti dei partiti sono stati convocati nella sala del governo per mettere a punto il nuovo testo della mozione unitaria. Una mozione, è stato spiegato, che avrebbe dovuto raggruppare tutte quelle già presentate dai vari gruppi politici. Alla riunione erano presenti anche un rappresentante della presidenza del Consiglio e la responsabile Sud del Pd Stefania Covello. Ma al tavolo c’erano anche i grillini, che il Pd ha cercato di accontentare. Da qui la protesta della De Girolamo che ha accusato il Pd di riscrivere il testo della mozione con M5S escludendo Ndc che è, per l’appunto, il promotore della mozione. Secondo Ncd, infatti, il nuovo testo che accantonerebbe quello dei centristi, avrebbe una forte «connotazione grillina» in quanto messo a punto dal deputato Sebastiano Barbanti.