Toti: con Renzi scommessa comune solo sulle riforme

«Con Renzi c’è una scommessa comune che si riassume nello slogan che facciamo le riforme insieme per non essere costretti domani a governare insieme». Lo ha affermato Giovanni Toti, consigliere politico di Forza Italia, intervenendo a un dibattito al Festival delle Generazioni in corso a Firenze. «Interpretare un’opposizione responsabile – ha aggiunto – non vuol dire essere afoni, perché io mi auguro che il governo faccia qualcosa di più utile di quanto ha fatto fino ad adesso, ma significa provare a migliorare i provvedimenti che in Parlamento ci arrivano. Sulla maggior parte dei provvedimenti economici che sta prendendo il governo devo dire che io sono molto deluso, e i nostri gruppi votano contro», ha aggiunto Toti, secondo cui però, «se riusciamo a fare la riforma del Senato e del Titolo V e una legge elettorale che garantisca governabilità ed il bipolarismo a questo Paese, forse abbiamo fatto una buona azione per la politica in generale». Il consigliere politico di Forza Italia ha quindi risposto alle critiche su un’opposizione troppo “morbida” al governo: «Sembra che il Paese sia insoddisfatto – ha aggiunto – perché tutte le mattine Toti non si sveglia e tira quattro uova marce contro Palazzo Chigi, non urla che il premier è uno sciagurato. Se ci fosse una spallata al governo Renzi con qualsiasi tipo di imboscata parlamentare, con quale legge manderemo a votare gli italiani? Si può sempre andare a votare, ma probabilmente lo faremmo con la legge proporzionale, che porterebbe alle larghe intese, con un nuovo Letta».