Sveva Belviso dà l’addio ad Alfano: «Troppo centrista, fondo Altra Destra»

Sveva Belviso, record di preferenze tra le candidate donne in Italia alle elezioni comunali 2013 con il Pdl, attualmente capogruppo Ncd a Roma, lascia il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano e fonda Altra Destra. «Per dare una speranza ai tanti milioni di elettori che hanno abbandonato il centrodestra», ha spiegato. Belviso, quarantenne e già assessore e vicesindaco a Roma con Gianni Alemanno nel 2008-2013, ha motivato la decisione con un netto dissenso sulla linea politica del partito, «troppo centrista e troppo esitante sulle tematiche dell’immigrazione. Otto milioni di voti spariti in cinque anni non è una crisi, è una disfatta. E da parte dei leader nazionali che hanno combinato questo disastro – spiega Belviso – nemmeno mezza parola di autocritica, mentre con quello che hanno combinato farebbero bene ad andarsene a casa. E anche se viviamo un’epoca di dubbi, io ho una consapevolezza: non posso e non voglio assistere inerme all’estinzione del centrodestra italiano. La destra italiana può risorgere, ma solo se si cambia tutto, da cima a fondo. Abbiamo davanti uno spazio immenso. E ce lo prenderemo tutto. Senza sconti per nessuno». La fondatrice di Altra Destra ha annunciato che il primo incontro pubblico del nuovo partito si svolgerà a Roma il 18 ottobre.

«Sveva Belviso dà sicuramente una scossa a un mondo che sembra addormentato. La seguiremo comunque con attenzione», ha dichiarato in una nota il leader de La Destra, Francesco Storace.