Ragazzo seviziato: la moglie dell’aggressore aggredita all’ingresso del carcere di Poggioreale

La moglie di Vincenzo Iacolare, il ventiquattrenne arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di aver seviziato con un compressore un ragazzo di 14 anni, è stata aggredita da sconosciuti davanti all’ingresso del carcere di Poggioreale. Lo ha reso noto l’avvocato Antonio Sorbilli. difensore di Iacolare. Secondo quanto riferito dal penalista, la donna è stata picchiata da alcune persone mentre era in fila in attesa di entrare per un colloquio con il marito, accusato di tentativo di omicidio e violenza sessuale. Il giovane si trova rinchiuso nel padiglione Parma che ospita i detenuti accusati di reati sessuali. Nei suoi confronti sabato scorso, a conclusione dell’udienza di convalida del fermo, il gip Antonio Cairo accogliendo la richiesta del procuratore aggiunto Filippo Beatrice e del pm Fabio De Cristofaro, ha emesso una ordinanza di custodia ritenendo sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari. Per quanto riguarda l’inchiesta, il pm ha disposto una serie di consulenze tecniche: sul tubo dell’aria compressa, utilizzato per seviziare il ragazzo, nonché sul telefonino cellulare con il quale due amici dell’aggressore registrarono un video mentre il 14enne veniva molestato. L’aggressione avvenne all’interno di un autolavaggio nel quartiere Pianura, alla periferia occidentale di Napoli. La posizione degli altri due giovani, che al momento risultano denunciati in stato di libertà per gli stessi reati contestati a Iacolare, è tuttora al vaglio degli inquirenti.