A Timperi scappa la bestemmia in diretta. La Rai farà come per la Pende e Mastelloni?

Nel giorno in cui si viene a sapere che il governo costringerà tutti gli italiani a pagare il canone, anche quelli che non prendono il segnale Rai e perfino coloro che non hanno la televisione, spunta fuori una doppia bestemmia nel popolare programma dedicato alle famiglie italiane. L’episodio è raccontato dal Giornale, che fornisce i dettagli: alle 10.30 del mattino inizia il programma “Uno Mattina in famiglia”, condotto da Tiberio Timperi, al quale scappa un “Porca M…” a causa di qualche inceppo nella sigla della rubrica legale. Schermo buio – racconta il Giornale, ma anche Libero – parte il segnale orario e riappare, come d’incanto, il conduttore. Che concede il bis, di fronte alle difficoltà tecniche. E riparte l’orologio.

Non è chiaro se dopo l’interruzione sia sia rivisto lo stesso pezzettino di prima o se realmente sia andato in scena lo stesso, orrido, copione. Per molto neno, in passato, giornalisti e attori, come Stella Pende e Leopoldo Mastelloni, subirono processi pubblici e quarantene dall’azienda di Stato. Ma di prima mattina, peraltro nel giorno in cui viene annunciata l’ennesima gabella per garantire la qualità del servizio pubblico, una cosa del genere non doveva accadere. Su Twitter immediatamente s’è scatenata la reazione indignata: “Va bene l’era digitale ma bestemmiare in diretta non sarà un po’ troppo? #TiberioTimperi”. “Diventi più grande quando ti dicono che non esiste babbo natale e quando senti il grande #TiberioTimperi tirare un bestemmione su raiuno”, “A #tiberiotimperi gli scappa un bestemmione in diretta…”. “Solo io ho sentito la bestemmia di #tiberio su #Rai1 mandata in onda 2 volte?”. No, è come se l’avessimo sentita tutti. Speriamo che l’abbiano sentita anche ai piani alti di viale Mazzini.