Luxuria a cena dal Cav: «Ora conosco la sua scelta, sosterrà le unioni civili alla tedesca»

Metti una sera a cena da Silvio. L’ospite è Vladimir Luxuria nume tutelare dei diritti Lgbt. Tutto il mondo a rumore. Una coppia inedita? Mica tanto. «Uno va ad Arcore perché vuole fare delle domande, visto che la Pascale è venuta al Gay Village e Silvio Berlusconi ha rinnovato l’impegno di Forza Italia sul tema dei diritti: io volevo vedere in faccia l’interessato, volevo chiedergli delle spiegazioni», spiega Luxuria a proposito della cena di Villa San Martino. L’ex premier, galante da par suo, gli ha regalato un foulard e delle cravatte per suo padre. «Ieri sera subito Dudù mi ha fatto festa. Con Berlusconi si è parlato di animali, mi hadetto il numero di persone che ha dei cani e dei gatti e di quanto siano importanti, mi ha anche letto una poesia di madre Teresa di Calcutta ed un sonetto di Dante, è come Benigni», racconta la paladina dei diritti degli omosessuali che nel corso del suo programma su radio Capital ha raccontato dettagli della cena con Berlusconi e la Pascale. A chi gli chiede se l’ex premier gli abbia raccontanto barzellette sui gay, l’ex deputata del Prc glissa e scherza: «Lasciamo stare…».«Sapete che facciamo? Io e Francesca non gli daremo tregua. E vedrete se alla fine Berlusconi non sarà costretto a concederci qualcosa sulle unioni gay…». Il suo giudizio sulla serata è il seguente: «Sul tema delle unioni civili, Berlusconi è più vicino a Renzi che ad Alfano. Su questo, tra Silvio e Matteo, potrebbe esserci una nuova alleanza», ha detto aggiungendo che «è una bella notizia che Forza Italia abbia istituito il Dipartimento per i diritti civili». «Dunque, Silvio Berlusconi mi ha detto che sosterrà le unioni civili alla tedesca di Renzi e quindi anche le adozioni interne cioè riconoscere la maternità o paternità da parte del compagno: non si può adottare all’estero ma si può riconoscere il figlio di uno dei due», afferma Vladimir. A cena erano presenti anche la Bergamini e più tardi è giunta Mariastella Gelmini col marito. Luxuria ha riferito altri stralci di conversazione: «Berlusconi mi ha detto che per un bambino è meglio crescere con due persone dello stesso sesso che in un orfanotrofio. E poi mi ha detto: tu sei mai stato in un canile? Quando ci entri sono un po’ come gli orfanotrofi». «Berlusconi – aggiunge ancora – mi ha detto che appoggerà il progetto di legge alla tedesca di Renzi, anche se -mi ha detto –  non gli piace chiamarlo matrimonio».