Luca Jurman, l’ex maestro di “Amici”, preso a pugni e calci in autostrada: la vicenda finisce in tribunale

Preso a pugni e calci per un diverbio in autostrada, dopo una giornata sulle piste da sci in Valle d’Aosta. La vittima è Luca Jurman, cantante e musicista, noto al pubblico televisivo anche per i quattro anni da “vocal coach” nel programma Amici di Maria De Filippi. Parte civile nel processo iniziato in tribunale ad Aosta, Jurman ha detto di accusare ancora adesso, dopo oltre due anni, fastidi al mignolo della mano sinistra che gli fu lesionato, e che gli creò problemi con la pratica del pianoforte. I fatti risalgono all’11 marzo del 2012: in auto con due collaboratrici sentite come testimoni, verso le 17 Jurman si trovò a rallentare nel traffico dell’«apres ski», a pochi chilometri da Aosta. È qui che, secondo quanto emerso anche dalla ricostruzione del pm Cinzia Virota, Fabrizio Di Marco, di 47 anni, originario di Roma, iniziò a tenere una «guida pericolosa». Jurman gli fece un gesto di troppo e Di Marco gli tagliò la strada, costringendolo a scendere dall’auto. Il musicista venne quindi aggredito, insultato, e il suo veicolo preso a calci. Per questo l’imputato è chiamato a rispondere di lesioni personali, ingiuria e danneggiamento. Lo scontro tra parte civile e difesa è proprio sulla gravità delle lesioni e della relativa prognosi: il referto del pronto soccorso parla di dodici giorni, ma dopo altre visite i tempi di guarigione si allungarono a circa due mesi. Il processo riprenderà a gennaio.