Con la Lega dei Popoli Matteo Salvini punta al Centro e al Sud

Si chiamerà Lega dei Popoli la nuova formazione politica ispirata dalla Lega di Matteo Salvini per sfondare al Centro e nel Sud del Paese. Nei prossimi giorni saranno presentati contenuti e organizzazione del nuovo movimento che, secondo alcune anticipazioni del senatore  Raffaele Volpi, cui il leader del Carroccio ha affidato il compito di dar vita al partito “gemello”, “ha aperto le porte a singoli, associazioni politiche e categorie sociali, senza voler assolutamente snaturare la storia di ognuna di queste associazioni”.

Progetto ambizioso

Il progetto è ambizioso. Finora la Lega aveva coltivato aspirazioni prettamente nordiste. La sua natura di movimento a forte caratura territoriale ne aveva fatto un soggetto politico difficilmente esportabile oltre i confini del settentrione. Come spiega lo stesso Volpi, in una intervista rilasciata al quotidiano romano Il Tempola recente campagna contro l’Euro ha fatto registrare consensi anche al Sud.

La nuova sfida

Le posizioni di forte critica all’attuale modello europeo e ai processi di finanziarizzazione dell’economia, la netta opposizione al governo Renzi, una non equivoca posizione sui problemi migratori e  una costante attenzione ai bisogni dei territori e delle comunità locali hanno finito con l’accrescere la capacità di presa su una opinione pubblica sempre più vasta. Non è un caso che, nel panorama di un centrodestra palesemente in crisi, in calo nei sondaggi, solo la Lega sembra andare in controtendenza. Di qui la nuova sfida. Alla domanda se l’attenzione verso il resto del Paese non farà perdere voti al Nord, lo stesso Volpi allontana ogni dubbio. “No – dice – perché i due soggetti resteranno distinti”. E non ci sarà nel nuovo simbolo nemmeno l’effige di Alberto da Giussani in segno di rispetto verso gli elettori della Lega Nord e di quelli che si stanno avvicinando nella altre parti del Paese. Il nuovo soggetto politico, in sostanza, si candida a lanciare sul territorio “un’organizzazione politica che rilanci i valori dispersi del centrodestra”.