Berlusconi in campo: Forza Italia è nella storia di tutti noi. E Fitto: confronto utile per fare opposizione

Silvio Berlusconi ha preso carta e penna per smentire di persona le indiscrezioni, apparse sui giornali, circa la sua presunta intenzione di far fallire Forza Italia per far nascere un altro partito. Le definisce «notizie senza alcun fondamento». Per il Cavaliere è «una fantasiosa indiscrezione» l’ipotesi di «indebitamento del movimento», come pure quella «di un cambiamento del nome. Forza Italia è ormai nella storia di tutti noi – scrive l’ex premier – Rimango letteralmente sconcertato nel leggere alcune vere e proprie fantasie riportate in alcuni articoli di cosiddetto “retroscena”, e in particolare su “La Repubblica”, “Il Giornale” e “Libero”, notizie senza alcun fondamento, circa una mia presunta volontà di chiudere Forza Italia. Niente di più falso. Fra le motivazioni di questa fantasiosa indiscrezione – prosegue la nota – ci sarebbe anche l’indebitamento del movimento. Ma dovrebbe essere noto a tutti che i costi di venti anni di battaglie azzurre per la libertà sono stati garantiti da mie fideiussioni, delle quali risponderei dunque personalmente. Del tutto infondata – prosegue l’ex premier – anche l’ipotesi di un cambiamento del nome: Forza Italia è ormai nella storia di tutti noi. La recente decisione di far confluire i club in Forza Italia, così come l’impegno che in queste settimane stiamo profondendo per la ricostruzione di una coalizione dei moderati, anche in vista delle imminenti elezioni regionali – conclude Berlusconi – dimostra che il movimento continuerà a svolgere pienamente un ruolo da protagonista per ritrovare l’unità del centrodestra nell’interesse del Paese».
In merito poi alla polemica con Fitto è stato quest’ultimo a intervenire: «Il confronto avuto l’altro giorno» con Silvio Berlusconi, «al di là dei toni, ha segnato un passo molto importante perché si è passati dalla “morbilità” sul governo Renzi o sull’entrare o meno al governo, al come fare opposizione». Parlando a Matera, l’europarlamentare di Forza Italia ha aggiunto: «Questo è quello che vogliono sentire i nostri elettori, ed è il messaggio da lanciare al Paese».