Rione Traiano, una folla commossa ai funerali di Davide. Don Lorenzo: «Signore, perché hai permesso questo?»

Una folla commossa, dentro e fuori la chiesa, per i funerali di Davide Bifolco, il 17enne ucciso da un carabiniere durante un inseguimento. La chiesa della Medaglia Miracolosa, nel rione Traiano di Napoli, questa mattina era gremita e almeno un centinaio di persone sono rimaste fuori, sul sagrato. Tanti indossavano magliette bianche, all’esterno della chiesa c’erano centinaia di palloncini dello stesso colore. Sull’altare erano presenti più sacerdoti, ma la messa è stata presieduta da don Lorenzo Manco. La madre di Davide, Flora, in mattinata aveva accusato un lieve malore, poi è rientrata in chiesa e ha seguito il rito con gli altri familiari. Prima della messa, un gruppo di amici e di persone del quartiere aveva percorso in ginocchio la navata della chiesa, per rendere omaggio a Davide. Durante la cerimonia non erano presenti uomini delle forze dell’ordine in divisa: il controllo dell’ordine pubblico era garantito, con discrezione, da agenti in borghese. «Quante volte in questi giorni anche noi ci siamo questa domanda: Signore, perché hai permesso che un sedicenne perdesse la vita?», ha detto don Lorenzo Manco all’omelia dei funerali, rivolgendo parole di conforto ai genitori e ribadendo che “Davide, da lassù, non si stancherà mai di guardarci”. Tra le tante persone che hanno voluto testimoniare la propria vicinanza alla famiglia, anche Antonella Leardi, la mamma del tifoso napoletano Ciro Esposito, morto dopo due mesi di agonia per le ferite subite a Roma prima della finale di Coppa Italia.