«Con Putin può aiutarci Berlusconi», il segretario generale del Ppe rompe gli indugi

La politica internazionale non si improvvisa, le relazioni tra i leader sono importanti specie quando esiste un’intesa su molti fronti. E l’Italia con la Russia ha avuto, negli ultimi anni, un canale privilegiato, una cooperazione notevole, con scelte importanti. Scelte politiche e di rapporti personali. Proprio per questo il “legame” tra Putin e Berlusconi può essere fondamentale per sciogliere alcuni nodi e riportare un clima migliore. Lo dice chiaro e tondo il segretario generale del Partito popolare europeo, Antonio Lopez-Isturiz White: «Abbiamo affrontato le principali questioni internazionali, come Ucraina, Iraq e Siria. Le nostre preoccupazioni sono comuni sul Nord Africa e il Medio Oriente»: ha spiegato ai giornalisti Lopez in merito all’incontro che ha avuto con Silvio Berlusconi. «Ho parlato di politica internazionale – ha sottolineato – con una persona di esperienza. E abbiamo condiviso la nostra principale preoccupazione che è l’occupazione. In merito all’Ucraina – ha riferito ancora Lopez – il presidente Berlusconi ha, come noto, un canale aperto con Putin con l’obiettivo di cercare una soluzione a questo conflitto. Uno che ha un canale aperto di comunicazione per noi è sempre buono. Può passare qualche messaggio e contribuire a dare soluzioni». «Sull’Isis – ha continuato – dobbiamo essere uniti per combattere. La leadership dell’Europa deve essere chiara, non solo quella di Obama».