Brunetta attacca l’Anm: difende un privilegio, 15 giorni in più di ferie

«Il sindacato dei magistrati, perché l’Anm non è altro che il sindacato dei magistrati, difende un privilegio. Il privilegio che i magistrati, unici tra i
dipendenti pubblici, hanno 15 giorni di ferie più degli altri dipendenti pubblici, che hanno 30 giorni. Chiamiamolo così, un privilegio». Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. «Non credo – ha aggiunto – che questo privilegio aumenti l’autonomia dei magistrati. Ben altro si deve fare per aumentare e migliorare l’autonomia dei magistrati dal punto di vista delle regole, delle leggi, dell’informatizzazione, dell’efficienza, delle strutture, ma non certamente lasciarli in ferie 15 giorni più di tutti gli altri dipendenti pubblici che ripeto hanno mediamente 30 giorni di ferie, i magistrati ne hanno 45. Vorrei sapere perché mai? Per quali ragioni? Per quali motivi? Per quali arcane giustificazioni i magistrati hanno 15 giorni in più ad esempio dei prefetti, dei poliziotti, dei questori, dei funzionari delle dogane, dei funzionari pubblici, dei professori, dei presidi? Perché mai i magistrati hanno 15 giorni di ferie in più? Qualcuno mi dimostri che questi 15 giorni in più sono per aumentare l’efficienza della magistratura e allora ragioneremo, altrimenti è un puro privilegio. Il sindacato dei magistrati difende un privilegio. Ha ragione
perfettamente Renzi», ha concluso Brunetta.