Al duello processuale tra Annamaria Franzoni e Taormina ci sarà una parata di vip

Se le richieste avanzate dalle due parti verranno accolte dal giudice, in un’aula civile del tribunale di Bologna si potrebbe assistere a una “riedizione” del processo mediatico che accompagnò il dibattimento giudiziario sul delitto di Cogne. Tra i testimoni indicati nella causa che vede opposti Carlo Taormina da un lato, Annamaria Franzoni e il marito Stefano Lorenzi dall’altro, ci potrebbero essere infatti i conduttori televisivi Bruno Vespa e Maurizio Costanzo, oltre a giornalisti televisivi e di carta stampata. Inoltre, nelle memorie presentate in vista della prossima udienza, sono indicati l’ex comandante del Ris dei carabinieri, generale Luciano Garofano, l’ex procuratore di Torino, Giancarlo Caselli, oltre a familiari e conoscenti di Franzoni e al parroco di Ripoli Santa Cristina, paese dell’Appennino bolognese dove la famiglia vive, don Marco Baroncini. Assistito dal figlio, Giorgio, l’ex deputato e sottosegretario aveva citato i coniugi, chiedendo la condanna al pagamento di onorari mai saldati per 771mila euro; i Lorenzi avevano presentato domanda riconvenzionale per un risarcimento di 200mila, ritenendosi danneggiati dal coinvolgimento del processo “Cogne-bis” e sostenendo, inoltre, che fin dall’inizio Taormina aveva pattuito la gratuità della prestazione. Taormina ha difeso la donna nel processo per l’omicidio del figlio Samuele, fino a quando non rinunciò definitivamente al mandato, il 23 febbraio 2007, durante il secondo grado.