Roma, tredicenne violentata per anni dall’ex compagno della madre: arrestato un 48enne

Un altro orco, e un’altra infanzia rubata per sempre. Non ne poteva più Valentina, nome di fantasia, di quelle violenze dapprima travestite da gioco. La mamma aveva interrotto il rapporto con il suo uomo, e lui aveva cominciato a tempestare di sms Valentina, all’epoca 11enne nata da una precendente relazione della donna. Le chiedeva rapporti sessuali, in modo subdolo, travestendoli da gioco. E così l’ha violentata molte volte, fino a quando, due anni dopo, lei ha preso coraggio e ha raccontato tutto a sua madre. La donna, romana, è rimasta sconvolta dalle parole della figlia: le è bastato leggere gli sms dell’uomo che Valentina aveva conservato per capire la gravità di quello che la piccola stava subendo da oltre due anni. Non ci ha pensato due volte e si è recata dai carabinieri, raccontando l’inferno subito dalla figlia da parte dell’uomo che lei un tempo aveva amato. Ad ascoltare la tredicenne, dapprima, sono state due donne in divisa, che hanno cercato così di rendere meno difficile il racconto di quel calvario subito. Le violenze avvenivano in diversi luoghi, senza che la piccola riuscisse a fare nulla per sfuggirvi. Grazie alle prove schiaccianti i carabinieri della Stazione Roma San Pietro hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Roma Valerio Savio, su richiesta del pm Pantaleo Polifemo, con l’accusa di violenza sessuale, a carico di un 48enne romano. L’uomo è stato portato al carcere di Regina Colei. Adesso Valentina è seguita da un’equipe di psicologi: saranno loro e l’amore della madre a cercare di aiutarla a dimenticare l’orrore nel quale ha vissuto per due anni. L’infanzia, quella no, non gliela potrà restituire nessuno.