Renzi ha pagato il gelato offerto a Palazzo Chigi? Risparmiateci la colletta per rimborsarlo

Dalle stanze del governo arriva un comunicato freddo ma fondamentale per le sorti dell’intero Paese: sappiate tutti che il gelato offerto a Palazzo Chigi è stato pagato interamente dal premier, fino all’ultimo centesimo. Uno scherzo che gli è costato lacrime e sangue, un po’ come le stangate che lui riserva agli italiani. Ma lo show continua, replica dopo replica. E Renzi non se ne fa scappare una. L’ultimo siparietto però si è trasformato in un boomerang. La sortita di offrire il gelato a Palazzo Chigi in risposta alla copertina dell’Economist non ha sortito l’effetto che il premier-show sperava. Non sono state risparmiate battute sarcastiche e ironie. «Il gelato si squaglia, il Consiglio dei ministri di venerdì (che doveva essere quello del “big bang”) sembra piuttosto un flop, e il premier gioca nella sua playstation personale di annunci, sorrisi, battute. Contento lui… », dice l’azzurro Daniele Capezzone. Il presidente della Commissione Finanze della Camera poi conferma «quello che dico da tempo: Renzi sottovaluta l’economia reale; è incredibile che si dica poco interessato alle “virgole” (quando si tratta di dati raggelanti di non-crescita); e di fatto si candida a guidare un non breve periodo di recessione». Sergio Marchionne, dal canto suo, ha detto che non sopporta più di «vedere gente con il gelato, barchette e cavolate. Voglio essere orgoglioso di essere italiano, di poter dire che siamo veramente bravi come gli altri perché lo siamo» E sulla replica del premier alla provocazione dell’Economist: «Una scelta personale di Renzi, io l’avrei ignorata. Vignette su di me ne escono tante, non le ho mai inseguite». Caustico il segretario della Cisl, Raffele Bonanni, sul premier col gelato: «È il suo stile… evidentemente il suo stile è quello». E don Matteo pensa solo a puntualizzare un elemento, come finale travolgente: «Il costo del gelato offerto da Matteo Renzi nel cortile di Palazzo Chigi per rispondere alla copertina dell’Economist è stato a carico del premier», hanno chiarito fonti di Palazzo Chigi. Speriamo che a nessuno venga in mente di fare una colletta per restituirgli quanto ha sborsato.