L’ultima trovata del sindaco di Pollica: «Siamo un paradiso fiscale, prendete la residenza da noi»

«Benvenuti nel paradiso fiscale, che aspetti a trasferirti da noi?». Non è l’invito dell’ufficio turistico delle Isole Cayman, ma il nuovo manifesto che campeggia sui muri di Pollica-Acciaroli (Salerno), località balneare della costa cilentana indicata come «paradiso fiscale a norma di legge». È l’ultima trovata di Stefano Pisani, vulcanico sindaco del comune cilentano. Il manifesto invita vacanzieri e turisti a prendere la residenza nel piccolo Comune del salernitano perché «nel 2014 – recita il manifesto – l’amministrazione comunale non ha apportato maggiorazioni alla tassazione sotto l’imperio della Tares e nulla ha previsto neppure con la cosiddetta mini-Imu». Pisani, che è succeduto al sindaco Angelo Vassallo, ucciso nel settembre 2010 e per il quale non sono stati ancora individuati i responsabili, fa di tutto per finire sui giornali. Una incontinenza mediatica, quella del primo cittadino eletto nel Pd, che non lo fa stare un mese fermo. A luglio aveva lanciato la colorita iniziativa di divulgare la notizia della nascita di un bebé con un’affissione. «Perché i manifesti qui non sono solo quelli mortuari, e perché la nascita di un bambino è sempre una festa, specie in un territorio come quello cilentano, dove lo spopolamento è un fenomeno ormai endemico», aveva fatto sapere attraverso il suo ufficio stampa. A maggio, invece, aveva lanciato un’altra iniziativa a beneficio dei turisti: «Abbiamo infatti deciso di regalare i prodotti della dieta mediterranea tipici del nostro territorio quali l’olio d’oliva, il cacioricotta e le olive “ammaccate”, tutti presidi slow food a chi sceglierà di trascorrere almeno una settimana nelle nostre strutture ricettive«. Ora arriva l’autopromozione per celebrare le basse tasse del suo Comune. Segno che nel Pd, i  Renzi boys hanno imparato bene la lezione: la propaganda conta più dell’attività politica quotidiana.