Meloni: «L’allarme Ebola è serissimo, il governo si muova e Renzi la smetta di giocare…»

Psicosi o allarme giustificato? Dopo la notizia choc del missionario colpito dal virus Ebola contratto in Liberia e tenuto in isolamento a Madrid, in Europa e negli Usa si allarga a macchia d’olio la paura del contagio dall’Africa. Con un tweet Giorgia Meloni è la stata la prima (in compagnia della Lega) a puntare i riflettori sull’inadempienza del governo italiano.

Lei ha lanciato sulla rete l’hastag “Renzi non siamo sereni” e ha scritto “l’allarme Ebola scattato in tutto il mondo non riguarda anche una Nazione nella quale sbarcano migliaia di africani?”

Questo governo continua a mostrarsi inadeguato rispetto a tutte le vere emergenze della nostra Nazione. Mentre l’Italia è in recessione economica Renzi pensa alla legge elettorale: è a dir poco paradossale. Oggi, di fronte alla più grave epidemia di Ebola degli ultimi quarant’anni e al cospetto dello sbarco di migliaia di africani sulle nostre coste, è incredibile che Palazzo Chigi escluda categoricamente il pericolo e non si preoccupi di predisporre un piano straordinario per scongiurare ogni possibilità di diffusione del virus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato l’Sos parlando testualmente di «emergenza di salute pubblica di livello internazionale» che può colpire tutti i Paesi. Insomma, non si tratta di psicosi  collettiva? 

Assolutamente no. L’allarme lanciato dall’Oms è da prendere molto sul serio e il governo Renzi non può trascurarlo. 

Finora il ministro della Salute ha minimizzato. Che cosa dovrebbe fare un governo degno di questo nome? 

Le rassicurazioni del ministro Lorenzin sull’allarme Ebola non bastano per mettere l’Italia al sicuro da ogni rischio di contagio. La facilità con la quale il titolare della Salute liquida questa vicenda fa pensare che il governo stia sottovalutando un problema così importante e non stia mettendo in campo tutte le misure necessarie. Un governo serio dovrebbe rimboccarsi le maniche e seguire le raccomandazioni dell’Oms, che chiede agli Stati di «essere pronti a identificare e trattare casi di Ebola nei propri Paesi», di «provvedere al trattamento  dei passeggeri provenienti dalle aree a rischio» e, soprattutto, di «elaborare piani di evacuazione e rimpatrio di connazionali, ad esempio degli operatori sanitari, esposti al rischio».

Più di altri Paesi l’Italia è a rischio per l’escalation di ondate migratorie sulle proprie coste. Come giudica l’allarme lanciato dalla Consap sui poliziotti infetti da Tbc per mancati controlli sanitari durante Mare Nostrum? 

Sono solidale con loro e condivido le loro preoccupazioni. Mare Nostrum è un’operazione completamente fallimentare, che umilia le nostre Forze Armate perché mette le navi della nostra Marina al servizio degli scafisti ed espone i nostri militari a rischi di ogni tipo. E le allarmanti notizie sui casi di Tbc confermano tutto questo. Non c’è più tempo da perdere: il governo Renzi la smetta di pensare a cose inutili e che interessano solo il Palazzo e cominci ad occuparsi delle vere emergenze dell’Italia.