E’ morto il giornalista Emilio Cavaterra, fu anche firma del Secolo

Si è spento all’età di 89 anni Emilio Cavaterra, giornalista e scrittore esperto di questioni vaticane. Volontario nella Repubblica Sociale Italiana, nel dopoguerra iniziò l’attività giornalistica a “Il Quotidiano”. Ha lavorato per diversi giornali italiani , tra cui “Il Gazzettino di Venezia” , “Il Roma” di Napoli,  “Il Giornale di Sicilia”. Redattore de “Il Borghese” con lo pseudonimo de “Lo Svizzero”, ha collaborato a “Il Secolo d’Italia” con lo pseudonimo di Belfagor, è stato redattore capo de “Il Giornale d’Italia” . Ha pubblicato molti saggi di argomento vaticano e di  storia italiana durante la Seconda guerra mondiale. È stato direttore di “Documenti sul Comunismo”. Tra i titoli più importanti “L’occhio del Vaticano sull’Italia in guerra” (2008), “La Repubblica armata” (2002), “Mussolini e l’innocente” (2002) “Mezzo secolo in trincea” (1995). Alla fine degli anni Sessanta per i tipi del Borghese pubblicò un romanzo di fantapolitica “Il Papa negro”. I funerali si svolgeranno giovedì 14 agosto alle ore 10 presso la chiesa dei Sette Santi Fondatori in piazza Salerno a Roma.