Scherma, il nostro Dream Team batte le russe e conquista l’oro. Le italiane ancora sul tetto del mondo

Dream Team ancora sul tetto del mondo. L’epopea continua. Le donne d’Italia del fioretto non conoscono la sconfitta: né in quello individuale (tripletta magica con la conferma iridata di Arianna Errigo su Martina Batini e Valentina Vezzali), né insieme. L’Italia ha vinto la medaglia d’oro nel fioretto a squadre femminile ai Mondiali di Kazan. Arianna Errigo, Martina Batini, Valentina Vezzali ed Elisa Di Francisca hanno riaffermato una superiorità storica del fioretto femminile azzurro, battendo la Russia padrona di casa per 45-39. Un oro ribadito di forza dopo aver eliminato il Brasile negli ottavi, distrutto la Germania nei quarti e la Corea nelle semifinali. Un team da sogno, come ai Giochi di Londra due anni fa, come ai Mondiali di Budapest un anno fa, come agli Europei di Strasburgo un mese fa. La conferma iridata non poteva che risultare sofferta, palpitante, contro la tenacissime russe che conoscevano i segreti delle italiane essendo allenate da un c.t. nostrano Stefano Cerioni. Ma neanche il fattore ambientale ha potuto  fermare il quartetto più bello del mondo, più forte del mondo, più brillante del mondo e, perché no più sorridente del mondo. Che si può permettere di lasciare a riposo nell’ultimo assalto una certa Valentina Vezzali, che aveva contribuito con un +5 a battere il Brasile agli ottavi. Le nostre ragazze hanno dato una straordinaria prova di carattere nel momento in cui le russe, spinte dalla Biriukova, si sono spinte in vantaggio fino a un pericolosissimo 35-33.