Riforme, l’opposizione “marcia” sul Colle contro la decisione di contingentare i tempi a Palazzo Madama

Ha provocato una reazione inedita la decisione della conferenza dei capigruppo del Senato di contingentare i tempi sulle riforme istituzionali per arrivare al voto entro l’8 agosto: dopo le proteste in aula, un centinaio di parlamentari dei gruppi di opposizione si è riunito nei pressi di Palazzo Madama e ha dato vita a un corteo spontaneo per raggiungere il Quirinale. Ne fanno parte esponenti di M5S, di Sel, della Lega e dei gruppi misti di Camera e Senato. L’obiettivo è essere ricevuti da Giorgio Napolitano, cui si chiede un intervento sul «vulnus alla democrazia» inferto dall’applicazione della tagliola.