Marò, Girone è perito tecnico. Si è diplomato con 87/100

Il fuciliere di Marina Salvatore Girone si è diplomato con il voto di 87/100 perito tecnico, con indirizzo “meccanico-sperimentale”, dopo aver svolto gli esami scritti e orali collegato via Skype con l’Istituto Marconi di Bari. Girone è da circa due anni e mezzo bloccato in India con il commilitone Massimiliano Latorre, con l’accusa dell’omicidio di due pescatori compiuto durante una missione antipirateria. Ha studiato seguendo via internet le lezioni serali del corso Sirio che ha lo scopo di «definire una figura professionale capace di inserirsi in realtà produttive molto differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione sia dal punto di vista tecnologico, sia da quello dell’organizzazione del lavoro». Nei giorni scorsi Girone, collegandosi via internet dall’ambasciata italiana a New Dehli, ha sostenuto le tre prove scritte che ha superato con il punteggio di “37”. Il fuciliere si è confrontato con la prova di italiano, in cui ha commentato la riflessione sulle periferie dell’architetto Renzo Piano; con quella di meccanica e poi con il cosiddetto “quizzone”. Durante gli scritti ai giornalisti fu impossibile parlare non solo con lo studente ma anche con i docenti. Solo due di loro, uscendo, definirono il fuciliere uno studente «preciso e scrupoloso» che «tiene molto a dimostrare che non gli è stato regalato nulla». Venerdì la prova orale via Skype si è conclusa «tra la commozione dei membri della commissione d’esame e dello stesso candidato». Un professore e un membro del personale scolastico che hanno assistito all’esame, «facendo anche qualche foto al marò», hanno detto che «l’esame è andato molto bene» e che «alla fine si sono commossi tutti». Girone avrebbe relazionato a lungo sulla disciplina della meccanica e di altre materie che fanno parte del progetto Sirio.