L’Onu contro Israele: viola i diritti umani. Netanyahu: distruggeremo i tunnel di Hamas

Israele viola “deliberatamente” il diritto internazionale. E’ l’accusa dell’Alto commissario Onu per i diritti umani, Navi Pillay, che ha condannato gli attacchi israeliani a Gaza contro case, scuole, ospedali, centri Onu. “Nessuno di questi attacchi è sembrato casuale, ma un atto di deliberata violazione del diritto internazionale”, ha detto.

Parole durissime cui ha fatto eco la condanna da parte dell’Ue che ha chiesto, per bocca di Catherine Ashton, un’indagine immediata sull’attacco alla scuola dell’Onu e sugli altri recenti bombardamenti che hanno colpito “civili innocenti in cerca di rifugio” a Gaza.

Ma il premier di Israele Netanyahu va avanti: “Con o senza il cessate il fuoco Israele distruggerà i tunnel che minacciano i suoi cittadini”, ha detto in apertura della seduta del governo a Tel Aviv. “Questa – ha aggiunto – è la prima fase verso la smilitarizzazione della Striscia di Gaza”. Hamas ha scavato decine di tunnel a profondità tali che raggiungono dai 10 ai 40 metri sottoterra e si ramificano in un’area che si estende per molte decine di chilometri in tutta la Striscia (la cui superficie totale è 360 kmq). Da qui i guerriglieri possono spostare agilmente armi e uomini, e penetrare oltre le linee nemiche senza essere visti. I tunnel servono anche a nascondere i razzi e costituiscono l’obiettivo principale di Israele.

L’esercito israeliano ha inoltre mobilitato 16.000 riservisti supplementari, portandoli a 86.000 in vista del proseguimento dell’operazione militare nella Striscia di Gaza. Mentre il premier apriva la seduta del governo una raffica di razzi è stata sparata da Hamas da Gaza verso il Neghev occidentale e verso la città di Sderot. Le batteria di difesa Iron Dome hanno intercettato sette razzi, secondo la emittente Canale 10.