Un video “rubato” mentre assiste i malati: il Cav ne esce bene, al contrario di chi l’ha girato…

Volevano sminuirlo, o volevano tendergli un tranello, ma le immagini catturate furtivamente in un video diffuso su Repubblica.it mostrano un Berlusconi dignitoso e in camice bianco, perfettamente a suo agio nel clima del centro per anziani di Cesano Boscone. Il sipario per la prima volta si apre sulla quotidianità della casa di riposo dove l’ex premierBerlusconi sconta la pena alternativa dei servizi sociali. Musica allegra di sottofondo (Rosamunda, tu sei la vita per me…) e atmosfera distesa si respirano in queste immagini girate con una telecamerina nascosta, audio comprensibile anche se non al 100% per un totale di quasi 5 minuti. A confezionare il  video che squarcia la privacy  all’interno della Sacra Famiglia  è stato il giornalista e assessore comunale del Partito Democratico di Rozzano, Stefano Apuzzo, grazie all’escamotage del travestimento da addetto ai lavori con camice bianco e all’ingresso autorizzato nella struttura per visitarne i locali con la scusa  del trasferimento di un conoscente. Le immagini catturate nella stanza principale della casa di riposo lombarda, mostrano il leader di Forza Italia così come lo si conosce,  a suo agio nello svolgimento dei compiti a lui assegnati, sereno e pacato e disinvolto nell’ intrattenersi con i parenti degli anziani in visita. Anzi, è ben evidente come tutti gli vengono incontro per tendergli la mano. Camice bianco, posa rilassata e modi cortesi nei confronti del personale di servizio: chissà se lo scopo del filmato era un altro… Perché dalle immagini, invece, viene fuori un lato umano e una vena di tenerezza inediti che finiscono per tramutarsi quasi in un “favore” fatto all’immagine del Cav.  Una  considerazione, Stefano Apuzzo la dedica all’aspetto della sicurezza, alla luce della scarsa attenzione nei controlli degli ingressi riscontrata dall’interessato. La trovata non è piaciuta alla struttura sanitaria. L’istituto Sacra Famiglia fa sapere infatti di esser pronta ad adire le vie legali per la pubblicazione del  video che riprende l’ex premier al lavoro. ‘«Sacra Famiglia – ha spiegato il direttore generale Paolo Pigni – prende atto con rammarico di quanto accaduto, cioè della pubblicazione del video sul sito di Repubblica e prenderà tutte le iniziative necessarie a tutelare la riservatezza e la qualità della vita dei nostri ospiti».