I sindaci con l’immunità: così Orsoni e Fiorito avrebbero evitato il carcere

I sindaci dovrebbero garantire città pulite e sicure, asili nido, illuminazione trasporti pubblici e strade non dissestate. È questo il compito che gli assegnano gli elettori e su questo li misurano nel corso del loro mandato. Dalla riforma del Senato in discussione, invece, vien fuori un altro modello di sindaco, protetto addirittura dall’immunità parlamentare pur non avendo il compito di dare o togliere la fiducia al governo. I sindaci-senatori non solo saranno in gita a Roma a spese del contribuente (niente stipendio si dice adesso, ma poi avranno il rimborso spese per stare nella Capitale), ma saranno immuni per i resti commessi, eleggeranno il presidente della Repubblica, i giudici costituzionali e i membri del Csm. Sarebbe meglio, invece, che facessero bene i sindaci e si occupassero della quotidianeità dei loro cittadini. Anche perché con l’immunità allargata a sindaci e consiglieri regionali che siederanno a Palazzo Madama, il primo cittadino di Venezia Orsoni e “Batman” Fiorito avrebbero probabilmente evitato l’arresto, nonostante siano stati accusati di fatti acclarati.