Dal blog di Grillo via libera a Farage, ma il voto pilotato fa infuriare iscritti (e Verdi)

Il gruppo parlamentare europeo Efd di Nigel Farage è il più votato dai militanti M5S nel sondaggio on line sul blog di Grillo per scegliere le alleanze a Bruxelles. Il leader inglese ha avuto 23.121 voti sui 29.584 espressi. La seconda opzione più votata è quella di “non iscritti” con 3.533 davanti al Ecr con 2.930.  Una votazione contestatissima da una nutrita parte di iscritti al M5S e da alcuni parlamentari.  Su Facebook Giulia Sarti, deputata M5S, ha postato una foto in cui si vede che le viene “turato” il naso mentre vota la consultazione: «Questo è il mio voto turandomi il naso per il gruppo europeo: conservatori e riformisti, i nipotini di Churchill. Solo per non far vincere Farage». Appunto, la scelta limitatissima è stata oggetto di contestazione. Le possibilità tra cui scegliere erano solo tre: l’Efd di Farage, i conservatori dell’Ecr e il gruppo dei non iscritti, in pratica il gruppo misto. La decisione di escludere il voto per i Verdi o altri gruppi parlamentari europei nel referendum on line sulle alleanze del M5S a Bruxelles non è andata giù a gran parte degli utenti iscritti sul blog di Grillo. Leggendo i commenti sul post del leader cinquestelle si scopre la delusione di molti. «Non capisco perché non ci facciano scegliere tra l’intera rosa dei gruppi parlamentari europei disponibili. Francamente questa preselezione mi pare inopportuna e disdicevole», scrive Edoardo M. dalla Sicilia. E gli fa eco Raffaele P. dal Lazio che parla di «ennesima tafazzianata M5S… O si dà la possibilità di votare qualsiasi gruppo oppure lasciamo perdere… A o B o NULLA?». «Oggi mi rifiuto di votare! Non è possibile che le scelte siano così limitate. Ho l’impressione che qualcuno abbia già deciso, e serve solo la finta ratifica della rete», scrive Giacomo C dalla Sicilia che precisa anche di essere certificato dal giugno 2013 per evitare l’accusa di essere “un troll piddino”. Più duro il commento a firma di Alessandro M. «Questa votazione – scrive – è una buffonata e sto pensando seriamente di disiscrivermi», fa eco. «Perché non ci sono i Verdi?», domanda Christian B. dalla Sardegna. «Non voto! Sfacciatamente pilotato, viste le poche opzioni concesse e il martellamento nell’ultimo periodo solo pro Farage», sottolinea Betty S. dalla Toscana. «Votazione farlocca» è la definizione di Alessio C. «Dopo settimane in cui si parla solo di Farage adesso c’è un’unica altra alternativa e pochissime ore a disposizione per votare in orario rigorosamente lavorativo», fa notare. «Manca l’opzione dei Verdi. E’ vero che non ci sono stati contatti, ma un po’ di elasticità in più, viste le aperture del passato anche con Monica Frassoni, che ha ospitato Grillo al Parlamento Europeo, sarebbe stata quanto meno auspicabile. L’apertura da parte dei Verdi c’è stata. In queste condizioni, non ritengo utile esprimere il mio voto», annota Giuseppe N. dalla Campania. «Perché non sono stati inseriti tutti i gruppi possibili!?!? Dove sono i Verdi? Se c’è libertà di voto a priori nel Parlamento europeo perché avete escluso per esempio i Verdi? Per me… grazie a chi ha ideato queste possibilità andrò per l’isolamento… sono estremamente deluso di non poter esprimere realmente la mia scelta», chiosa Giacomo B. dalla Lombardia. Durissimo il commendo a firma Anna C. «Addio Movimento 5 Stelle. È stato bello crederci e sperare…ma non si vive solo di speranza – riamrca – Questo sondaggio è solo una farsa».