Centrodestra, Fitto va avanti: «Non lancio sfide, voglio primarie di coalizione»

Continua il dibattito nel mondo dei moderati. «Avviato confronto per scegliere la leadership del centrodestra con le primarie». A scriverlo su Twitter è Raffaele Fitto. Dopo aver dimostrato senso di responsabilità, rimandando la trasferta milanese per non “intralciare” la manifestazione di FI, non rinuncia a rilanciare la necessità delle primarie. «Ci sono dei dibattiti fisiologici, normali. Penso sia importante lavorare tutti insieme in un’unica direzione. Sono stato in Calabria, in Puglia, lunedì sarò a Napoli. Mi sembra vada bene così. Non ci sono problemi o discussioni insuperabili» ha detto da Bari l’ex ministro, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano di commentare le polemiche sollevate da alcuni esponenti di Forza Italia dopo la proposta dello stesso Fitto di rinnovare la classe dirigente del partito con le primarie. «Non lancio sfide a nessuno. Penso sia utile acquisire un dato che ormai è consapevolezza generale, anche a livello nazionale, che è quella che si affrontano le elezioni a livello regionale e nazionale con le primarie di coalizione». Per Fitto le primarie di coalizione sono «un dato molto importante. E per questo dobbiamo mettere insieme coloro i quali condividono sia la volontà di stare nel centrodestra, sia i programmi. Non ho alcuna intenzione – ha concluso – di fare polemiche». «Peraltro – ha precisato – noi dobbiamo dare agli elettori del centrodestra, e anche all’esterno, la priorità dei temi concreti sui quali concentrarci e ai quali far seguire lo strumento di selezione della classe dirigente». Quanto ai rumors di contrasti insanabili con Silvio Berlusconi chiarisce: «Non ho alcun problema, ci mancherebbe altro. Ascolto ogni tanto delle sollecitazioni a scendere in un terreno polemico da parte di altri. Io non ho alcun problema in questo senso», ha risposto a chi gli chiedeva se il suo rapporto con il Cavaliere fosse sempre quello di un tempo, senza problemi. «Oggi – ha aggiunto – teniamo la manifestazione di Forza Italia. Penso che sia un fatto importante e positivo discutere degli obiettivi programmatici e di coalizione. All’interno di questi discuteremo anche nel nostro partito delle modalità di organizzazione».

«Le primarie sono lo strumento che dobbiamo mettere in campo per poter scegliere al meglio nella prossima campagna elettorale regionale il candidato presidente della Regione con tutti quei partiti che condividono la collocazione del centrodestra», ha poi ribadito Fitto, parlando delle prossime elezioni regionali in Puglia dove si voterà nel 2015. «Quindi – ha concluso – con loro avremo la possibilità di confrontarci e condividere questo percorso. Chi avrà capacità di esprimere consenso e presenza sul territorio, potrà guidare in modo unitario una coalizione quanto più ampia possibile».