Napolitano: nessuna indulgenza per chi manifesta con la violenza e va in giro a volto coperto

Tolleranza zero con i violenti. Parola di Giorgia Napolitano: «È una violenza senza senso e senza sbocco sociale, verso la quale non si può avere alcuna indulgenza, quella espressa in alcune manifestazioni da parte di giovani che hanno compiuto atti vandalici», ha detto il capo dello Stato dai microfoni della manifestazione “Il terrorismo raccontato ai ragazzi”. Rispondendo alle domande di alcuni studenti, ha detto di avere “fiducia” nei giovani che ha incontrato in questi anni nelle manifestazioni contro il razzismo o in ricordo delle vittime del terrorismo o della Shoah. Proprio qui l’inquilino del Colle ha aperto “una finestra” sul tema della violenza politica senza citare direttamente gli episodi, ma facendo allusioni a giovani nascosti dai passamontagna e con le spranghe che giocano alla guerriglia. A più di un osservatore è parso perfino un passaggio riferito alle contestazioni avvenute a Roma nei confronti del premier Matteo Renzi. «I giovani – ha detto – hanno consapevolezza che occorre superare un atteggiamento di stupida violenza. Che senso ha – si è domandato – andare in giro col volto coperto e distruggere con una spranga un’auto della polizia?». Quindi l’appello a credere «in un dibattito democratico e sociale, anche con una pressione dal basso, ma con gli strumenti della democrazia ed entro i limiti della legalità». Il terrorismo e gli anni di piombo sono «un capitolo chiuso» che non potrà tornare, ma bisogna stare attenti a «episodi sinistri» come le minacce subite dal procuratore Caselli da parte di esponenti dei movimenti No-Tav.