Le Pen vuole un referendum per uscire dalla Ue, Copé si dimette dall’Ump

«Chiediamo la dissoluzione dell’Assemblea nazionale, è evidente, perché bisogna tornare al popolo». Lo ha affermato la leader del Front Nazional francese, Marine Le Pen, in un incontro con la stampa. Il governo attuale – ha aggiunto – «non ha la legittimità necessaria per condurre delle riforme», in particolare quella degli enti locali, per cui «i francesi non hanno mai dato mandato». Se il Front National arriverà al potere in Francia, «organizzerò un referendum per chiedere ai francesi se vogliono uscire dall’Unione europea».
Per quanto riguarda la composizione del gruppo di euroscettici nel Parlamento europeo, c’è anche la Lega Nord, ha ribadito la Le Pen, che non ha escluso un’alleanza del Front National, primo partito in Francia con 24 seggi, con la formazione greca di estrema destra Alba Dorata. «Mi recherò mercoledì a Bruxelles proprio per andare a incontrare un certo numero di responsabili politici», ha detto a BfmTv, citando tra i partiti che incontrerà lo Jobbik ungherese, il bulgaro Ataka ed «ovviamente Alba Dorata». Escluso invece un incontro con il parlamentare tedesco ultranazionalista Udo Voigt.
Ma intanto in Francia sta accadendo un vero e proprio terremoto nel centrodestra moderato uscito sconfitto dalle urne insieme (e soprattutto) con i socialisti. Scosso dalla batosta nelle elezioni europee, dagli scandali a ripetizione, dalle spaccature interne, il contestatissimo segretario Jean-Francois Copé ha gettato la spugna: «Dimissioni il 15 giugno». L’Ump (Unione per un Movimento Popolare) riparte dunque da zero: congresso in autunno.