Dramma a Latina, violentata e drogata per ore dal suo ex. In manette un marocchino

Aveva accettato di incontrare di nuovo il suo ex che non si rassegnava alla fine della loro relazione e da settimane la minacciava e la seguiva. Doveva essere un incontro chiarificatore, ma per una donna di Cisterna, in provincia di Latina, si è trasformato in un incubo durato tre ore. Tre ore di terrore, vissute in un capannone abbandonato nei pressi della stazione ferroviaria della cittadina in provincia di Latina, dove l’uomo l’aveva portata per costringerla a prendere psicofarmaci, per violentarla e per malmenarla.

Lui è un marocchino di 37 anni, rintracciato e bloccato dal commissariato di polizia di Cisterna in collaborazione con la Polizia ferroviaria di Roma, nei pressi della stazione Termini. Era fuggito verso la Capitale quando il fratello della vittima, avvertito da un’amica, era piombato nel casolare abbandonato di Cisterna per salvare la sorella. Era stata lei stessa, recandosi all’appuntamento concordato con il suo ex, ad avvisare un’amica chiedendole di chiamare aiuto se non fosse tornata entro mezz’ora. Il suo incubo era iniziato diversi mesi prima, a settembre, quando aveva conosciuto il 37enne e aveva iniziato una relazione con lui, accorgendosi quasi subito che era un uomo violento. Alla polizia la donna ha raccontato che il compagno le usava violenza, spesso anche allo scopo di prenderle dei soldi. Così aveva deciso di troncare la relazione. Ma l’uomo aveva cominciato a minacciarla, a telefonarle in ogni momento della giornata, arrivando perfino, nel pomeriggio del 30 aprile, a presentarsi davanti casa cercando di forzare la porta d’ingresso. Così lei, esasperata, aveva acconsentito a incontrarlo per l’ultima volta, sperando di chiarire una volta per tutte la situazione. Si sono dati appuntamento poco lontano dalla stazione di Cisterna. Ma per la donna era una trappola. Secondo quanto ricostruito dalla polizia dopo la denuncia, la vittima è stata condotta in un locale abbandonato, obbligata ad assumere droghe e poi ripetutamente violentata, fino all’arrivo del fratello. Immediatamente sono scattate su tutto il territorio le ricerche del 37enne, poi rintracciato nella tarda serata a Roma, e arrestato per violenza sessuale aggravata.