Marine Le Pen: non lo avete ancora capito? Il vostro Beppe è solo un bluff, ma quale lotta al sistema…

Lucida e ironica. Marine Le Pen nella sua marcia trionfale verso Bruxelles (è convinta di sfiorare il 25 per cento) dimostra di conoscere molto bene gli umori del Belpaese e le contraddizioni dello scacchiere politico italiano. In un’intervista esclusiva al Giornale la leader del Front national incrocia i guantoni contro Beppe Grillo, campione di bluff, paladino del nulla. «Non ve ne siete ancora resi conto? – dice sorridendo all’intervistatore – quello non lotta contro il sistema, punta solo a conquistare l’elettorato di sinistra. Ricordate una sua presa di posizione concreta sull’immigrazione? No perché non esistono». Checché ne dica il capo dei Cinquestelle che continua ad abbaiare alla luna sognando Palazzo Chigi, «è un politico senza basi. Un giorno si scaglia contro la corruzione, un altro contro l’Europa, non ha una visione globale. Per questo resterà il leader di un movimento di protesta e non guiderà mai un governo». Insomma non ha le physique du role. È un attacco senza sconti. «Grillo tuona contro il sistema ultra-liberista, ma non racconta che l’immigrazione serve ad abbassare i salari ed è funzionale al grande capitale. Racconta di essere contro banche e multinazionali, ma si guarda bene dallo spiegare che l’immigrazione fa gli interessi di chi delocalizza e abbassa gli stipendi senza neppure trasferire le aziende all’estero. Grillo ha una visione distorta e contradditoria della realtà», taglia corto la Le Pen. Portabandiera di un’altra Europa, convinta di poter cambiare il destino della Francia, la figlia d’arte che ha traghettato la destra fuori dai recinti dell’estremismo radicale del padre, parla alla pancia profonda del Paese. E la decisione di aprire la campagna elettorale per le europee in un piccolo villaggio di pescatori nell’estremo nord della Francia lo dimostra. Da grande esclusa a protagonista, stringe le mani ai pescatori, le prime vittime dell’eurocrazia, abbraccia le ragazze all’uscita del bistro, ascolta le signore galliche venute a raccontarle i loro problemi. Alla faccia della rete grillina, della democrazia virtuale e delle fantasie pirotecniche dell’ex comico prestato alla politica.