L’attore Ivano Marescotti si candida con Tsipras e la Rai lo “taglia” dalla fiction

Nella fiction Una buona stagione, in onda ieri sera su Raiuno sono state tagliate tutte le scene nelle quali appariva l’attore Ivano Marescotti. La causa? È candidato alle europee nella Lista l’altra europa con Tsipras. Ergo, per la Rai viola le norme sulla par condicio. Una scelta che però l’attore contesta.  «Hanno tagliato anche il nome dai titoli – ha detto Marescotti – una cosa veramente inedita ed inaudita. Hanno tagliato le scene a spregio del pubblico senza neanche avvisare. Ed è sparito il padre della protagonista». Il taglio è nato da un’interpretazione rigida della norma sulla par condicio, che impedisce ai candidati di apparire durante la campagna elettorale in programmi di intrattenimento. «Ma io ho fatto 70, 80 film. Venti fiction. Mi hanno detto che dovevo avvisarli – ha proseguito l’attore – ma dovrei avvisare tutti… Il giorno di Pasqua, sempre su un canale Rai, hanno replicato un’altra fiction in cui ci sono, senza tagli. Una cialtronaggine incredibile. Questa non è par condicio, ma è manipolazione di un’opera dell’intelletto. Danneggia gli altri attori che lavorano con me. La regia, la scrittura, il montaggio e il pubblico che vede una cosa manipolata e censurata. Una cosa che non si può fare. E la Rai, poi, vuole mandare in onda la partita a cui partecipa il presidente del Consiglio». Marescotti ha spiegato che la Rai, quando ha saputo della sua candidatura gli ha prima chiesto di ritirarla. Al suo rifiuto ha chiesto il suo nulla osta ad essere tagliato. Ma anche senza il suo consenso, le scene sono scomparse. «Cosa c’entro con il palinsesto? – ha detto – Semmai non dovevano trasmetterla ora. Siamo stati i primi a candidarci, lo sapevano benissimo».