Da Forza Italia ultimatum al premier: «Approviamo l’Italicum entro Pasqua o salta il patto»

«Noi chiediamo a Renzi, se vuole mantenere la parola, se vuole mantenere i patti, di approvare la riforma elettorale prima di Pasqua, altrimenti casca l’accordo con Berlusconi, con Forza Italia». Dopo le “minacce” del ministro Boschi di votare la riforma del Senato con una maggioranza senza Forza Italia, arriva l’ultimatum di Renato Brunetta al Pd: «La riforma della legge elettorale è ferma da tre settimane al Senato e non è stata ancora consegnata alla Commissione Affari Costituzionali competente. Se è in grado Renzi approvi la riforma elettorale, così com’è stata approvata dalla Camera, prima di Pasqua, se non è in grado, non ha i numeri per farlo, ne tragga le conseguenze, magari anche con le sue dimissioni», presegue il capogruppo alla Canera. Mentre, in merito alla riforma del Senato, Brunetta sottolinea: «La riforma del Senato è stata approvata lunedì scorso dal Consiglio dei ministri, ma quella riforma non è stata consegnata agli uffici competenti di Palazzo Madama, il che vuol dire che non esiste ancora, che ci stanno ancora lavorando». «Ha ragione Brunetta, la legge elettorale è parcheggiata al Senato e non ancora incardinata. La teniamo lì, perché? Votiamola subito», gli fa eco Giovanni Toti, consigliere politico di Silvio Berlusconi.