Sondaggio: per i cittadini indiani l’Italia ha fatto bene a richiamare l’ambasciatore

Dopo mesi di tira e molla sul caso dei due marò, durante i quali New Delhi pensava di fare il bello e il cattivo tempo, l’improvvisa reazione dell’Italia ha trovato a sorpresa l’approvazione dei cittadini indiani. Un sondaggio pubblicato sul sito online del quotidiano indiano The Hindustan Times ha mostrato che la maggioranza dei lettori è d’accordo con la decisione italiana di richiamare il proprio l’ambasciatore a Roma per protesta contro i ritardi nel processo contro i due fucilieri. Alla domanda “Is Italy’s decision to recall its India envoy justified?” (È giustificata la decisione dell’Italia di richiamare il proprio rappresentante diplomatico in India?), il 48,2% ha risposto “sì” contro il 46,04% di “no”. Il sondaggio è in corso da martedì pomeriggio, ovvero da quando la Farnesina ha deciso di far tornare a Roma l’ambasciatore Daniele Mancini per consultazioni urgenti. Il diplomatico è partito per l’Italia. La notizia è stata commentata da molti lettori e ha scatenato un acceso dibattito pro e contro Massimiliano Latorre e Salvatore Girone trattenuti in India da due anni per l’omicidio di due pescatori, con toni a volte ironici. Per esempio, nell’ultimo commento, Madan Lal Gupta dello stato dell’Haryana, ha suggerito che l’ambasciatore italiano «dovrebbe portarsi con sé» anche la leader italo-indiana Sonia Gandhi, il “bambinetto” Rahul, la sorella Priyanka e il marito Robert Vadra «per liberare il Paese dalla corruzione».