Primarie di FdI, nel primo giorno già 40mila votanti. Ghera: ottimo risultato

Quasi quarantamila votanti in tutta Italia. Alle 20 in punto, Fabrizio Ghera fa il punto sulla prima giornata di voto delle primarie di Fratelli d’Italia: «Quarantamila è un ottimo risultato.  Di questi ben oltre la metà ha votato nel Lazio e in Campania. Su Roma la partecipazione è stata buona». Il capogruppo in Campidoglio racconta la sua giornata  passata a visitare i vari gazebo distribuiti sul territorio capitolino.  «Sono stato in giro tutto il giorno – ci dice – e ho visitato le varie sedi di voto. In questo tour de force ho privilegiato maggiormente le periferie che sono quelle che frequento di più, come Ponte Mammolo e Tor Sapienza. Comunque un po’ dovunque c’è stata una buona affluenza di militanti, iscritti e simpatizzati, ma anche di tanti cittadini curiosi di capire il nostro manifesto e accorsi per esprimere il loro voto. I nostri elettori sono persone vicine al nostro mondo, la maggior parte di loro è stata, infatti, contattata dai militanti, dai circoli e dalle realtà di base». Certo, puntualizza l’esponente di FdI «quarantamila votanti rappresentano un dato significativo, perché il nostro partito non ha avuto gli stessi mezzi del Pd e siamo stati snobbati dalla stampa nazionale e dalle tv. Nonostante ciò, grazie al lavoro dei volontari e dei tanti giovani che credono nel nostro progetto la presenza dei cittadini è stata abbastanza buona». Ghera per far comprendere la portata del risultato fa un confronto col Pd: « Il nostro è un partito del 2%, quello di Renzi ha il 35% dei consensi. Nonostante ciò alle primarie per la segreteria regionale del Lazio i piddì hanno ottenuto meno di 40mila voti. E quelle primarie sono state definite un flop. Inoltre, i democratici sono abituati a confrontarsi col meccanismo delle primarie: lo hanno utilizzato per scegliere il sindaco di Roma, poi con Renzi e Bersani e poi ancora con Renzi, Civati e Cuperlo e ora per eleggere il segretario regionale del Lazio. È un’esperienza ripetuta più volte, in questo sono molto esperti. Quindi il risultato della nostra prima giornata di voto, proprio perché non abbiamo avuto battage pubblicitario e su di noi è calato il silenzio stampa, può essere valutato più che positivamente».