Prima gaffe della Boschi: costretta a togliere la foto “glamour” dal sito istituzionale

«Ma è una pagina di Meetic o un sito istituzionale?»« Ah se è bella la Boschi. Ma è il caso di trasformare un sito del governo in una pagina glamour di fb?». Maria Elena Boschi, 33 anni, nuovo ministro dei Rapporti con il Parlamento e per le riforme costituzionali, aveva scelto un profilo tutt’altro che basso. Foto a pieno schermo, sguardo languido perso nel vuoto, una posa da diva più che da ministro. Una scelta di rottura rispetto alla tradizione dei suoi predecessori. Immaginatevi se Gaetano Quagliarello prima e in tempi più lontani Roberto Calderoli, avrebbero messo una foto a tutto schermo. Certo, paragone improbabile, ma in passato qualche ministra giovane e fotogenica c’è stata. C’è bisogno di evocare Mara Carfagna? Provate a immaginare che cosa avrebbero scritto l’indomani i puntuti corsivisti antiberlusconiani. Del resto, la gaffe non è passata inosservata. Non ha fatto a meno di notarla l’Huffington Post. «Se la maggior parte dei neoministri ha un homepage “istituzionale” e, al limite, una foto in formato avatar – ha scritto il sito fondato dalla giornalista americana Arianna Huffington – la ministra per le Rifome Costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi e quella degli Affari esteri Federica Mogherini optano per immagini a tutto campo. Benvenuto da parte dei dipendenti ministeriali o compiacimento per il nuovo ruolo?» Il blog diretto da Lucia Annunziata non può essere tacciato di becero maschilismo e la vanità della due neo-ministre non è quindi passata inosservata. Sarà anche per questa pioggia di critiche in Rete da parte di osservatori neutrali o di semplici navigatori che, entrambe nel pomeriggio sono corse ai ripari. La Mogherini è sparita, lasciando spazio alle news sulle adozioni in Bielorussia. Il cambiamento della Boschi è stato altrettanto radicale: nella nuova foto cela addirittura il viso mostrando solo i capelli. Viene ripresa solo di spalle. Lo scatto la immortala nell’ormai celebre vestitino blu elettrico mentre stringe la mano al presidente Giorgio Napolitano il giorno del giuramento. Lui sì, in bella evidenza. Per le pose da fotoromanzo c’è sempre Facebook.