Decaduto o meno, il Re di Viareggio è ancora una volta il Cavaliere

Da Highlnder a Pontefice, da Mussolini ad Hitler: il politico incoronato ancora una volta Re dai maghi della cartapesta viareggina è anche quest’anno Silvio Berlusconi. È record d’incasso del più popolare Carnevale d’Italia nella prima uscita domenicale,  con un introito al botteghino di 175mila euro, miglior risultato dal 2008 ad oggi. Anche quest’anno la satira l’ha fatta da protagonista sulle costruzioni con moltissime “fotografie” esilaranti dell’attualità politica. Tra i leader più gettonati resiste, dunque, ancora una volta, il Cavaliere destinato a scatenare le più fervide fantasie, ritratto nei panni più svariati – da Mussolini ad Hitler, da Highlander a pontefice – e rappresentato perfino come impiccato sul patibolo, con tanto di messaggio d’addio del cane Dudù: i carri di Viareggio di Berlusconi sembra non possano fare a meno, anche se a volte il cattivo gusto e il macabro prendono la mano con troppa disinvoltura (Deborah Bergamini di FI parla di «volgare rozzezza»). Va detto, comunque, che il precipitare della crisi di governo, causa dimissioni di Letta, ha colpito anche gli “equilibri” di Viareggio, dove gli artigiani  sono stati costretti a dei cambi dell’ultimora, costretti ad aggiungere qualche particolare in più per la sfilata inaugurale. Così il carro che vede Enrico Letta ritratto nei panni di Babbo Natale è stato “aggiornato” con un cartello con scritto “Cedesi attività, ben avviata, completa di tasse, riforme, leggi con rendita garantita”. E per domenica 23 febbraio pare sia stata progettata l’aggiunta di un Matteo Renzi in versione Grinch. Spettacolare il carro con la presenza di Matteo Renzi: Palazzo Vecchio squarciato in due, come investito da un’eruzione vulcanica. E dalle rovine dell’edificio ecco uscire pedalando in bicicletta don Matteo… Renzi. Cappellino in testa come il personaggio tv interpretato da Terence Hill, indossa una sciarpa viola e porta la fascia tricolore. Direzione? L’autostrada del Sole che da Firenze corre dritta nella Capitale, verso i palazzi romani della politica. È questa forse l’immagine che più fotografa gli ultimi sviluppi dell’agone politico. Il Carnevale di Viareggio non si è lasciato  sfuggire l’occasione per strapazzare l’ex premier fresco di benservito. Iacopo Allegrucci, ad esempio, ha confezionato una valigia di cartapesta da emigrante e l’ha messa in mano ad Enrico Letta. Il tutto sotto gli occhi divertiti del presidente Napolitano che alza la mano di Renzi come l’arbitro fa per proclamare il vincitore di un incontro di boxe. Fra i debutti illustri, da segnalare quello del ministro Kyenge. Molto presenti anche i temi sociali. Come dimostra Alessandro Avanzini nel suo enorme e spettacolare ragno metallico che raffigura la rete virtuale che spersonalizza l’uomo. Spazio anche agli omaggi delle più grandi icone della pop music, come il John Lennon dei fratelli Cinquini e il Freddy Mercury di Roberto Vannucci.