Anche Fo è deluso da Beppe: «Gli insulti sessisti offendono pure Franca, ma i grillini non sono fascisti»

«È stata una provocazione stupida che ha un effetto degradante sul gruppo che l’ha commessa». Se perfino Dario Fo è deluso dai grillini, qualcosa vorrà dire. In un’intervista a Repubblica il premio Nobel commenta così gli insulti partiti dalle fila dei 5 Stelle. «Credo che, pur partendo da un’opposizione giusta, siano caduti nel tranello di eccedere nei modi. La ghigliottina è stata una decisione infame e brutale che andava denunciata e contestata – sottolinea l’attore – ma non in questo modo, anche perché così si rischia di passare dalla parte del torto e di oscurare il significato pieno della denuncia». Quanto agli insulti alle donne, “con il pensiero alle battaglie di Franca, mi vengono i brividi a pensare che ancora si faccia uso di certe metafore da sempre utilizzate dal potere maschile. Ma attenzione, i grillini non sono fascisti”. «Sia in quell’occasione che per il futuro – dice Fo -, li invito a essere più spiritosi, a usare la fantasia, anche e soprattutto davanti a un mondo dell’informazione che cerca scandali e sangue. Sanno essere creativi e pungenti, l’hanno già dimostrato. ‘Non si può rispondere alla brutalità di una politica che insulta la democrazia con l’imbecillità a briglia sciolte».