Il colpo di spugna alle cartelle di Equitalia? Una magnanimità che insospettisce

da Felice Carpusi Visombala.
L’innovazione viene mostrata come un’importante occasione di fare pace con il fisco: si permette di dare un colpo di spugna alle cartelle esattoriali di Equitalia rottamandole, pagando solo capitale e sanzioni, senza interessi. Che meraviglia, vedendo questo esempio di magnanimità viene da pensare a un’occasione da non perdere. Peccato che il saldo sia da effettuare in un’unica soluzione il 28 di febbraio. Evidentemente il governo pensa che entro quella data tutti i contribuenti che avevano pendenze con il fisco avranno realizzato almeno una vincita a 5 zeri, o forse arriverà a tutti una cospicua eredità. Di certo non potranno trasformarsi tutti in rapinatori seriali, non ci sono abbastanza sportelli bancari da assaltare per accontentare tutti. Se prima infatti si ricorreva alla rateazione della cartella per riuscire a pagare, per una palese e diffusa carenza di liquidità che pervade tutto il Paese, ora non è chiaro come in un colpo solo con un solo mese a disposizione si creda possibile che chi non arriva a fine mese riesca a mettere insieme tutto il denaro per pagare in una unica botta. Un chiaro segnale che dimostra ancora una volta che chi prende certe decisioni è ancora stabilmente sulla luna e non dà alcun segno di voler scendere da lì.