Roma anticipa la stagione dei saldi: partiranno il 4 gennaio

Saldi anticipati al 4 gennaio a Roma e nel Lazio. A stabilire l’avvio nel primo giorno feriale antecedente l’Epifania è stato il Consiglio regionale, approvando all’unanimità una proposta di legge bipartisan che ha anche fissato l’avvio di quelli estivi per il primo sabato di luglio, il 5. La proposta di legge, presentata da Mario Ciarla del Pd, Mario Abbruzzese del Pdl e Pietro Di Paolantonio del Ncd, stabilisce inoltre che dall’anno prossimo sarà una delibera della Giunta a stabilire annualmente le date di inizio dei saldi, sentita prima la commissione competente della Pisana. In caso di mancata adozione della deliberazione varranno le date stabilite l’anno precedente. La modifica della data di inizio saldi 2014, che era originariamente fissata al 5 gennaio, ha spiegato una nota della Pisana, è stata proposta per consentire alla Regione di rispettare le date fissate negli “Indirizzi unitari delle Regioni sull’individuazione della data di inizio delle vendite di fine stagione” della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome del 24 marzo 2011, cui ha aderito il Lazio. Il provvedimento aveva già ricevuto il via libera all’unanimità da parte della VIII commissione presieduta da Ciarla. «Questo per permettere ai nostri commercianti per essere in linea con i colleghi di tutta Italia, per metterli allo stesso sullo stesso piano dei concorrenti delle altre regioni», ha commentato Ciarla, mentre Di Paolo ha spiegato che «la modifica approvata oggi era un atto dovuto, non solo rispetto alle indicazioni della conferenza delle Regioni, ma anche per rispondere alle esigenze delle categorie. Serve tuttavia una programmazione diversa. Non possiamo negare che i saldi, così come sono, non funzionano né per i cittadini, né per le categorie. Tra le opzioni per migliorare la regolamentazione non va esclusa anche quella della liberalizzazione, purché accompagnata da controlli rigidi».