Oggi Alma Shalabayeva a Roma. Bonino: noi impegnati per la difesa dei diritti umani

Alma Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako Muktar Ablyazov, arriverà a Roma nel primissimo pomeriggio. Lo ha confermato Anna D’Alessandro, uno degli avvocati dello studio Vassalli che ha seguito la vicenda della donna, annunciando che Alma Shalabayeva terrà una conferenza stampa insieme ai suoi legali al Grand Hotel.

Del caso dell’espulsione dall’Italia di Alma Shalabayeva e della figlioletta Alua ha parlato il ministro degli Esteri Emma Bonino ieri al Tg di La7, sottolineando l’estraneità della Farnesina al caso della moglie dell’ex oligarca kazako Mukhtar Ablyazov che due giorni fa ha riottenuto dalle autorità di Astana la libertà di movimento dopo un lavoro di mesi, dietro le quinte, del ministero degli Esteri. “La legge italiana – per giusta o sbagliata che sia – come tutte le leggi dei paesi europei affida il controllo del territorio al ministero degli Interni: punto. La Farnesina come altrove viene richiesta solo se trattasi di diplomatici accreditati”, ha spiegato Bonino che una volta appresa la notizia che la signora che la Shalabayeva aveva riacquistato la liberà, ha telefonato al ministro Alfano per avvertirlo perché in questo caso è stata avvertita prima la Farnesina. “Come giustamente dovrebbe essere”, tramite l’ambasciatore e l’incaricato d’affari che – ha spiegato la responsabile della Farnesina – “è andato personalmente ad Almaty a portare il visto italiano e poi ha accompagnato la signora ad Astana per fare il visto Schengen”.

“La riconquista della libertà di movimento della signora chiude un cerchio aperto con il provvedimento di revoca dell’espulsione del 12 luglio”, aveva precisato Bonino sottolineando come una volta appresa la notizia dell’espulsione lo scorso 31 maggio, quando l’aereo sul quale si trovava la Shalabayeva era già partito, abbia “messo in atto tutte le possibilità che le convenzioni internazionali prevedono. Immediatamente siamo andati a raccogliere la firma in modo che la signora potesse contestare la decisione italiana e da allora ogni giorno abbiamo provveduto a questo tipo di assistenza anche in contatto con gli avvocati italiani della signora”. Adesso spetterà “alla Shalabayeva decidere dove riterrà opportuno stabilirsi, se dall’altra figlia che vive in Svizzera” o altrove, ha detto la titolare della Farnesina augurandosi di riallacciare i rapporti tra Italia e Kazakhstan “dopo un periodo prolungato di freddezza”. La lezione che si può trarre da questa vicenda, sostiene Bonino, è che “la promozione e la difesa della legalità così come i diritti umani è, per tutti i paesi – il nostro compreso – un processo, che a volte va avanti, a volte va indietro, ma che va difeso e promosso”.