L’ultimo saluto ad Angelo Rizzoli. E la rabbia di chi l’ha conosciuto: «Vittima dell’aggressione giudiziaria»

Molti politici di primo piano nella chiesa di Sant’Eugenio a Roma per dare l’addio ad Angelo Rizzoli. In prima fila anche il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, seduto accanto a Fedele Confalonieri e Renata Polverini. Angelo Rizzoli, ex produttore cinematografico, è scomparso all’età di 70 anni, dopo una lunga malattia. «Un grande dolore», ha commentato la moglie Melania De Nichilo. Presente con il figlio Andrea anche Eleonora Giorgi, prima moglie di Rizzoli, che sfuggendo ai microfoni dei giornalisti ha dichiarato con voce spezzata di provare immenso dolore. Durante la cerimonia Rizzoli è stato ricordato per la sua “forza morale” con la quale ha affrontato non solo la malattia ma anche le vicende giudiziarie. Alle esequie hanno partecipato parlamentari, personaggi dello spettacolo e del giornalismo. Tra i politici Gianni Letta, Renato Brunetta, Annamaria Bernini, Maurizio Gasparri, Gianfranco Rotondi, Stefania Prestigiacomo e Mara Carfagna. Tra i volti noti dello spettacolo Mara Venier, che ha ricordato l’amico scomparso raccontando che fu proprio lui a presentarle il marito. Presenti alle esequie anche Giancarlo Leone, Bruno Vespa, Enrico Mentana, Giuliano Ferrara, Vittorio Feltri, Ottaviano del Turco e l’avvocato Franco Coppi. «Era una persona buona, una persona giusta contro cui ci sono stati troppi accanimenti e ingiustizie», ha detto Berlusconi nel ricordare l’editore.  Per Gasparri «l’aggressione giudiziaria subita ha trovato motivi di amarezza che ne hanno accelerato la fine».