Solidarizziamo con l’iniziativa dei padri separati

da Rocco Piacquadio.

A Roma, il 7 novembre 2013, l’ultima tappa di “Papi Gump”, l’iniziativa promossa da Antonio Borromeo, padre separato, che ha percorso a piedi l’Italia meridionale per sensibilizzare la concreta applicazione della legge 54 del 2006, affinché vengano rispettati e pienamente applicati i principi dell’affido condiviso dei figli. Antonio Borromeo, protagonista della battaglia a favore della bigenitorialità, iraggiungerà Citta del Vaticano dopo essere entrato a piedi in città. Antonio Borromeo ha iniziato la sua marcia, con la benedizione del Vescovo S.E. Bruno Forte il 29 settembre, partendo da Vasto, la sua città natale. Ha fatto tappa in diversi comuni pugliesi, siciliani, calabresi e campani ed è stato ricevuto da istituzioni civili e religiose che hanno evidenziato una lodevole sensibilità verso questa iniziativa. L’attenzione della Chiesa sposa la solidarietà e l’impegno dimostrato a favore della bigenitorialità – e alla significativa iniziativa di Borromeo – da parte di associazioni, parlamentari, rappresentanti istituzionali e cittadini che condividono disagi, sofferenze e impedimenti, dovuti alla mancata applicazione reale della Legge 54. Il 10 ottobre è stato ricevuto dal Vescovo di Lecce, S.E. Domenico Umberto D’Ambrosio, il 28 ottobre dal Vescovo di Palmi, S.E. Milito, il 29 ottobre dal Vescovo di Reggio Calabria, S.E. Morosini, il 30 ottobre dal Vescovo di Lamezia terme, S.E. Cantafora, che hanno manifestato la loro vicinanza ed il loro interesse su un tema sociale così delicato e di grande attualità. L’intenzione di Antonio Borromeo è quella di incontrare Papa Francesco, sensibile ed impegnato sui grandi temi della famiglia, ivi comprese le problematiche relative ai separati, ai divorziati ed ai loro figli.