“Noi contro l’aborto”. E gli antifascisti li prendono a sassate ferendo una bimba di 4 anni

Colpevoli di essere scesi in piazza contro l’aborto. L’estrema sinistra – identica in Italia come in Francia – non “perdona” questo peccato mortale e prende di mira quei manifestanti (erano famiglie riunite a Nancy) che si erano spinti persino a recitare il Rosario. Sassate contro di loro, fino a colpire una bambina di soli quattro anni. Questi i fatti: l’associazione  “Sos Tout-Petits” aveva raccolto un discreto gruppo di simpatizzanti e stava recitando un rosario pubblico quando un gruppo di sessanta antifascisti è intervenuto insultando i presenti  e colpendoli con le pietre: ne ha fatte le spese una bambina che stava con i genitori, originari del Gabon e immigrati in terra di Francia. «Gli antifascisti – ha commentato ironicamente  il sito Boulevard Voltaire –  si impegnano nella lotta contro il razzismo, ma è evidente che c’è una diversità buona e una cattiva. E quella che recita un rosario non merita che di essere lapidata». E per fortuna chei poliziotti sono intervenuti in tempo circondando i partecipanti per impedire scontri. Perché c’è chi considera la recita del rosario un vero e proprio “insulto” e regolarmente interviene per contestare. Il sito Salon Beige informa che le proteste sono state del tutto gratuite  e non si sono fermate neppure quando la bimba, con la fronte sanguinante e un grosso bernoccolo i testa, ha fatto temere il peggio. Gli “antifascisti” non sono indietreggiati di un passo e la polizia, per impedire il peggio ha dovuto accompagnare i genitori alla macchina, assicurandosi che il rientro a casa sarebbe avvenuto senza ulteriori lanci di pietre. Ma i violenti possono stare tranquilli, nessuno li ha denunciati. «Tanto non serve a nulla», hanno sentenziato i due immigrati del Gabon. Tutto il mondo è paese: anche in Francia vige la regola dei due pesi e delle due misure. Quando in piazza c’è la destra si grida subito al golpe, magari solo per uno slogan politicamente scorretto; mentre quando a manifestare sono i militanti della sinistra – e lo fanno con violenza – bisogna passarci sopra perché sono dei ragazzi ideologicamente immaturi. O compagni che sbagliano.